NEWS

NEWS

10/01/2019

FLAT TAX NON È SINONIMO DI CONVENIENZA, ECCO PERCHÉ

FLAT TAX NON È SINONIMO DI CONVENIENZA, ECCO PERCHÉ

La presente newsletter per fornirVi alcuni primi chiarimenti in merito alla effettiva convenienza per imprese e professionisti nell’adesione alla nuova “flat tax”.
È stato necessario attendere il testo definitivo della Legge Finanziaria prima di diffondere eventuali notizie poiché tale regime è stato oggetto di numerose variazioni in fase di approvazione della citata Legge.
L’introduzione di tale regime fiscale ad aliquota piatta (fissa, in inglese flat tax) altro non è che l’ampliamento con qualche variazione del previgente regime forfettario. La sostanza rispetto al precedente regime forfettario quindi non cambia; a variare sono solo alcuni requisiti di accesso e permanenza (es. è stato ampliato il limite di ricavi da 30.000€ a 65.000€).
Nella tabella riportata di seguito illustriamo una sintesi dei pro e dei contro derivanti dall’applicazione di tale regime:
 

VANTAGGI

SVANTAGGI

Calcolo dell’imposta

Aliquota fissa al 15% è interessante soprattutto al crescere del reddito (non necessariamente dei ricavi).
Ancora più interessante l’aliquota del 5% applicabile sulle nuove attività.
Il contribuente non subisce la ritenutasui propri ricavi.

L’unico costo deducibile è rappresentato dai contributi. In assenza di altri redditi, se si applica regime forfetario, infatti, non possono essere dedotti o detratti altri costi: né personali (spese per ristrutturazione immobili, spese sanitarie, ecc.) né imprenditoriali e/o professionali. Vengono quindi perse anche le detrazioni per carichi di famiglia.

Determinazione del reddito imponibile

Come già scritto, il regime forfetario non permette di dedurre alcun costo poiché il reddito viene determinato forfettariamente applicando la percentuale prevista. Potrebbero avere quindi un vantaggio quei soggetti che sostengono pochi costi.

Chi sostiene alti costi, soprattutto per chi utilizza costosi cespiti, per svolgere la propria attività potrebbe trovare conveniente continuare ad applicare il regime ordinario poiché può dedurre tali costi.

IVA

Se si opera principalmente verso soggetti privati offrendo beni e/o servizi ad aliquota ordinaria, si potrebbe ottenere un vantaggio competitivo poiché non viene addebitata l’iva sulle vendite.

il contribuente in regime forfettario non detrae l’IVA subita in acquisto (né può dedurla come costo). Il passaggio a forfettario richiede la restituzione dell'IVA detratta sugli acquisti

 
Già da una primissima lettura di quanto riportato nella precedente tabella è quindi possibile intuire che decidere di aderire alla nuova flat tax deve basarsi su di una analisi da ponderare caso per caso effettuando un planning fiscale che vada ad approfondire le specificità storiche, attuali e prospettiche di ogni soggetto.

Per i motivi suesposti Vi invitiamo a contattare lo Studio per una valutazione di convenienza personalizzata.